Come distinguere l’intuito dal dubbio

Come distinguere l'intuito dal dubbio

A volte può risultare difficile distinguere l’intuito dalla paura o dal continuo dubitare di noi stesse. Tuttavia, le nostre paure e i nostri dubbi sono più subdoli di quel che pensiamo, mentre il nostro intuito tende ad essere estremamente chiaro.

Proviamo a comprendere meglio come poter distinguere il nostro intuito dalle nostre paure.

Che cos’è il dubbio?

Il dubbio si trova di solito nella parte opposta del cervello rispetto all’intuito. È il dubbio che sabota la nostra creatività e ci impedisce di fare cambiamenti e di rischiare.

Quando inizi a dubitare di te stessa, tendi a raccogliere informazioni che possano sostenere i tuoi dubbi, ma in realtà vai solo fuori strada.

Dubitare di te stessa ha a che fare con la tua emotività, non è razionale, e il corpo te lo rimanderà attraverso emozioni di pesantezza.

Dubitare di noi stesse ci trattiene, e la nostra mente e il nostro corpo ne sono influenzati.

Che cos’è l’intuito?

Mentre dubitare di te stessa è un’emozione, l’intuito è la conoscenza che supporta la tua creatività e ti guida nel fare cambiamenti consapevoli.

È un supporto positivo che il tuo corpo percepisce altrettanto positivamente. Mentre il dubitare di te stessa ti riporta al passato, l’intuito ti permette di vivere nel presente.

Il corpo non mente e nemmeno il tuo intuito.

È come avere al tuo fianco un’amica fidata: c’è tranquillità, gentilezza e assenza di giudizio.

Mentre il dubitare di te stessa ti fa percepire una tensione in tutto il corpo, l’intuito porta con sé una sensazione di leggerezza.

Come fai a distinguere tra i due?

Quando stiamo riflettendo o prendendo una decisione, non ci accorgiamo sempre dei mille pensieri ed emozioni nella nostra testa, fino a quando la decisione non è presa. I dubbi si insinuano proprio qui, tra i mille pensieri. L’intuito è più veloce. L’intuito è il primo pensiero, non la paura che nasce dall’arrovellarsi tra mille pensieri.

La pancia avrà sempre qualcosa da dirti. Per poter decifrare che cosa ti sta dicendo devi imparare a fare tacere i tuoi dubbi e ad avere fiducia in quella parte della tua mente che sa chi sei veramente.

Questi 3 suggerimenti ti aiuteranno a farlo.

Non pensare troppo. Cosa dovrei mangiare? Gli piaccio o non gli piaccio? Pensare troppo è una forma di agonia emotiva. Pensare troppo per troppo tempo ti lascerà solo nel dubbio.

Stai nel presente. Il dubbio deriva sempre dal passato. Non è reale, ma certamente può sembrarlo nel momento in cui gli permettiamo di alzare troppo la voce. Metti a tacere i tuoi dubbi concentrandoti sul tuo presente. Fare questa scelta ti aiuterà a far emergere il tuo intuito.

Perdonati. Per tutto. Perdona le tue amiche. Perdona il tuo capo. Perdona le tue relazioni passate. Questo contribuirà ad affievolire il tuo rapporto con il dubbio e a migliorare il tuo rapporto con il fare.

Ricorda che l’intuito è il lato creativo della tua mente. Dubitare di te stessa è invece la parte analitica e super critica. L’intuito nutre la nuova te, chi sei oggi.

Lasciamo andare la parte competitiva della nostra mente e abbracciamo quella più consapevole, relazionale e serena.

Non è divertente dubitare sempre di te stessa. Datti una possibilità. Muoviti con la pancia!

Written by Nadia