Cambia i tuoi pensieri e ottieni quello che vuoi dalla tua vita

my emotional training

Foto di Francesca Pignatelli

La maggior parte di noi è ansiosa di realizzare qualcosa; che si tratti di un romanzo che ci ronza in testa o di un profondo desiderio di imparare a suonare la chitarra o di arrivare a correre i 10 km.

Siamo pronte. Ci iscriviamo in palestra e compriamo una chitarra.

Evvai! Sarà fantastico!

Poi ci fermiamo.

Che cosa è successo?

Sono qui per dirti che non sei tu. Sono le tue abitudini.

Con le giuste informazioni, chiunque può cambiare i suoi comportamenti e realizzare i suoi sogni.

Qui trovi tre fasi che ti aiuteranno ad iniziare:

Fase 1 – Non prenderla sul personale.

Sono convinta che la capacità di cambiare si impari e non sia una caratteristica innata. Fattelo dire da un’ex fumatrice! Dovresti quindi approcciare i tuoi obiettivi attraverso pensieri positivi e non statici. In poche parole, il pensiero statico ti dice “non sono una persona motivata”, il pensiero positivo ti dice “posso motivarmi se mi impegno a lavorare su questa cosa”. I pensieri statici ci bloccano. I pensieri positivi ci spingono in avanti.

Fase 2 – Scomponilo. E adesso scomponilo ancora un po’.

Aiuto le persone a cambiare i loro comportamenti – che si tratti di conquistare un nuovo stile di vita su misura per loro o di scoprire il lavoro dei loro sogni. Ho imparato che la chiave per fare dei cambiamenti duraturi è scomporre le cose in piccoli step. Molte persone vogliono partire da un punto A e saltare subito ad un punto Z. Jimi Hendrix non è diventato Jimi Hendrix in una notte e, mi dispiace dirtelo, nemmeno tu.

Prendi quell’accenno di lavoro che hai davanti a te – un capito del tuo romanzo scritto on line, una scheda di allenamento, uno spartito – e scomponilo in piccoli pezzi. Piccolissimi. Fattibili. Come dice Leo Babuta di Zen Habits “rendilo talmente facile da non poter dire di no”.

Diciamo che desideri correre i 10 km e che non stai facendo molti progressi in questo senso. Se scomponi il tuo obiettivi di correre i 10 km in piccoli pezzi, sarai in grado di realizzarlo poco alla volta. Il primo step potrebbe essere quello di cercare una guida che ti dica come puoi fare (la puoi scaricare qui), il secondo step potrebbe essere quello di ritagliarti due ore alla settimana per dedicarti ad imparare a correre. Non importa quanto ci metterai – la cosa più importante è che ti sarai fatta i muscoli costruendoti un metodo.

Fase 3 – Occhio al critico interiore.

Quando scomponi la tua sfida in piccoli pezzi, prendi consapevolezza del tuo critico interiore. Potrebbe dire una cosa del genere “se stai cercando di rimetterti in forma, non combinerai niente se ti alleni 5 minuti al giorno”. Non lasciare che questa voce ti fermi. Anche se 5 minuti non ti garantiranno di rimetterti in forma domani, è un passo importante per te. Stai costruendo la tua identità. Tutte le volte che inizi e abbandoni un progetto, ferisci la tua autostima. La costruzione della tua identità riporta indietro la fiducia in te stessa e la certezza che puoi raggiungere ciò che desideri. Non sei destinata a fallire. I tuoi fallimenti passati non sono indicatori di chi sei, ma del modo in cui hai approcciato quelle sfide. Adesso con questo nuovo mindset, puoi affrontare queste sfide con più sicurezza. Ce la puoi fare!

Per aiutarti però a iniziare il tuo percorso di cambiamento io ed Elisa abbiamo creato il workshop Be Well! E’ un workshop gratuito che si terrà il 27 gennaio a Milano, hai voglia di provare questa nuova esperienza insieme a noi?

Voglia iscrivermi al workshop!

Nome*
E-mail:*
Come ci hai conosciuto?

Written by Nadia